“U PANI CA MEUSA” raccontato dal poeta Salvatore Arena

U PANI CA MEUSA

Assa trasi ca cià cuonzu,
s’assistassi,
… o preferiti
manciari a gritta a gritta?
a vuliti schietta o maritata?

U meusaru addumu u paridduni
Ca furchietta cu due irita, ci mietti:
meusa primuna e scannaruzzatu
e u paninu e bellu e cunzatu

si a vuliti ”schietta” ci sprimiti
menzu limiuni o ci mittiti u cannistratu

si vi va “maritata”
quannu a meusa e cuotta
ci mittiti a ricuotta.

Si girati pi Mannamienti iti ne Rocky
o a San Francisco, o ne Ninu u Ballerino
vi manciati a focaccia oppuru u panino.

Si vi truvati a Porta Carbuni o ne Piddu Messina
vi fati cunzari menza mafaldina.

‘nPalermu a gienti chi camina è cuomo
un’addina,
s’arricuogghi ca vuozza china .

 

poesia di SALVATORE ARENA

dalla pagina Facebook Palermo & Palermitani


Nessun commento
Accedi col tuo account personale o scrivi con un account ospite.