L’Unione Europea: “Basta mangiare lumache”. Addio ai babbaluci?

La notizia sembra incredibile. Ma la Commissione Europea ha approvato ieri un atto normativo che mette fuori legge ogni utilizzo alimentare della Eobania vermiculata, mollusco gasteropode molto diffuso in tutti i paesi mediterranei e celeberrimo nella tradizione popolare siciliana perché protagonista di una delle ricette più amate: i babbaluci.

A sancire l’entrata in vigore della normativa è stata la Direzione Generale per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, dopo l’iniziativa di un gruppo di animalisti danesi guidati dall’attivista Jorge Veganhoff, da anni fautore di una battaglia per la tutela dei molluschi.

“Il consumo di lumache – ha spiegato Veganhoff – è deleterio sotto tutti i punti di vista. Innanzitutto si mette sotto silenzio uno sterminio di esemplari nell’ordine di 4.000 tonnellate l’anno. Una specie già vessata dalla sperimentazione cosmetica per la realizzazione di prodotti di bellezza che sfruttano le proprietà della bava di lumache sulla pelle umana. Tutto questo è barbarie”.

La notizia sta causando imbarazzo soprattutto a Palermo, dove il consumo dei babbaluci non solo fa parte della storia della tradizione culinaria siciliana e del suo secolare cibo da strada, ma è anche legato alle celebrazioni della festa di Santa Rosalia, patrona di Palermo, ogni anno a luglio. Durante “il Festino”, infatti le strade della città si riempiono di ceste di vimini stracolme di babbaluci che vengono consumati abitualmente da adulti e bambini.

Ma Palermo non ci sta. Il CORNAL Sicilia (COmitato Regionale Normativo Allevatori Lumache), minaccia scioperi e azioni simboliche: “Porteremo le nostre lumache ad attraversare la strada sulle strisce pedonali davanti a Palazzo dei Normanni e fino a Bruxelles . Dimostreremo che non si può “calpestare” una tradizione che fa parte dell’identità di un popolo”.

 

+++AGGIORNAMENTO – 2 Aprile+++
Il buon Jorge Veganhoff ha ritirato la sua mozione dopo aver mangiato un intero cesto di babbaluci. E da Bruxelles augura buon pesce d’aprile 🙂


Un commento
Accedi col tuo account personale o scrivi con un account ospite.

  1. sono grato e d’accordo su questa normativa, ne ho alcune a casa mia da circa tre anni non chiuse in terrai ma in vasi speciali sono degli animaletti molto speciali e intelligenti bastano pochi accorgimenti per accudirli e non si allontanano mai dove si soddisfano le loro esigenze

    luigi